Museo Nazionale Etrusco e Tombe

 504

Museo Nazionale Etrusco

Istituito nel 1871 e ospitato dal 1901 in un edificio di stile neoclassico, il museo conserva numerosi reperti di raro pregio, distribuiti sui due piani dell’edificio ed esposti secondo criteri tematici e cronologici. L’odierno allestimento, che risale al 2003, coniuga la cura dell’aspetto scientifico con moderni strumenti didattici e divulgativi, e rende il museo uno dei più importanti e prestigiosi per lo studio e la conoscenza della civiltà etrusca attraverso tutto l’arco del suo sviluppo. La massima attenzione è stata riservata al restauro dei materiali esposti, provenienti sia da collezioni formatesi nei secoli XVIII e XIX che da scavi sistematici. I caratteri tipici della civiltà etrusca e del territorio chiusino sono rappresentati da pregevoli canopi in trono, bronzi laminati, buccheri decorati a cilindretto e a stampo, statue e rilievi in pietra fetida, sarcofagi e urne in alabastro e terracotta; non mancano peraltro lussuosi prodotti d’importazione fra cui molti vasi greci dipinti della migliore produzione attica. Fra la statuaria di età romana spicca un ritratto di Augusto, che è considerato una delle più raffinate rappresentazioni dell’imperatore a noi pervenute. Degni di nota sono i ricchi corredi di tombe longobarde, che nel museo completano la ricostruzione della storia antica della città.

canopo

Tomba della Pellegrina

Fu scoperta nel 1928 durante lavori stradali e rappresenta un esempio particolarmente significativo di sepoltura familiare di Età Ellenistica (fine IV – II secolo a.C.). Semplicemente scavata nell’arenaria, presenta un lungo corridoio nel quale si aprono quattro nicchie e tre camere di differenti dimensioni. All’interno conserva ancora gran parte delle urne e dei sarcofagi delle originarie diciassette sepolture. Nella grande camera di fondo, i coperchi dei sarcofagi, sollevati o rimossi, testimoniano una violazione avvenuta forse già in epoca antica.

Tomba Pellegrina

Tomba della Scimmia

Databile all’inizio V secolo a.C. e scoperta nel 1846 da Alessandro François, è la tomba più conosciuta delle necropoli chiusine. Il vestibolo e le tre camere presentano bei soffitti a cassettoni e letti funebri scolpiti nell’arenaria. Nelle pitture che decorano le pareti del vestibolo sono rappresentati giochi funebri con corsa di bighe, esibizioni di acrobati, pugilatori, lottatori, attori, danzatori e suonatori di flauto, a cui assiste la defunta riparata dal suo ombrellino. Legata a un cespuglio si vede la scimmia da cui deriva il nome della tomba. La decorazione mantiene la sua freschezza soprattutto nel soffitto della camera di fondo, dove foglie verdi d’edera e sirene alate incorniciano una rosetta rossa nel cassettone centrale. Accanto a questa tomba se ne apre un’altra di tipologia molto simile e della stessa epoca, la Tomba del Leone; anch’essa in origine presentava ricche decorazioni dipinte, che però oggi sono purtroppo in gran parte svanite per l’effetto del tempo.

Via Porsenna, 17 – 53043 Chiusi

Tel. 0039 0578 20177

e.Mail: sba-tos.museochiusi@beniculturali.it

WebSite: www.archeotoscana.beniculturali.it

ORARI E BIGLIETTI

4 Comments

  1. Per caso siamo arrivati ieri a Chiusi e sotto una pioggia torrenziale e poco tempo a disposizione siamo entrati a vedere se il museo fosse aperto. Abbiamo visto il costo, che ci è sembrato buono e siamo entrati convinti di cavarcela con poco tempoper la visita.Invece una splendida sorpresa.Tanti reperti, ben spiegati e ottimamente mantenuti, mostrati in un percorso chepasso dopo passo lascia a bocca aperta. Bellissima esperienza! Bravissimi!

    Reply
  2. Interessantissimo, Chiusi è ricchissima di storia e testimonianze: era una città già in fermento nell’epoca antica e tutt’ora adesso non è difficle leggere di nuovi ritrovamenti e testimonianze dell’epoca antica che vengono ritrovate sotto terra come Urne Funerarie, catacombe e corredi funebri.

    Reply
  3. I enjoyed your museum very much. Can you tell me if it is still possible to visit the Tomba del Colle Casuccini?

    Grazie

    Trevor Whitton

    Reply
  4. What a cute little museum with the most helpful and friendly staff.

    I visited on May 1, a national holiday.
    I’m very thankful that the museum stayed open and kept the regular hours. I came to little quaint Chiusi specifically to visit this museum for I’m very fascinated by the Etruscan history, the collection is small but very impressive.

    The train station is actually at the foot of the historical Chiusi, and it’s all uphill from there so unless you’re very fit and have no luggage you should take a taxi (€9). There’s no luggage storage at the station, you can leave them at the museum before you go in.

    Reply

Trackbacks/Pingbacks

  1. Un contributo per la ricostruzione visitando un museo: ecco quali sono quelli senesi | Michele Busillo Blog - […] Per maggiori info sul Museo archeologico di Chiusi cliccate qui (dal sito della Pro-Loco di Chiusi) […]

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Facebook

Twitter